#!trpst#trp-gettext data-trpgettextoriginal=1348#!trpen#Select Page#!trpst#/trp-gettext#!trpen#

Al giorno d’oggi, disporre di un sito Internet è importante per promuovere la propria attività d’impresa, ma allo stesso tempo diventa necessario anche saperlo gestire per ottemperare ad alcuni obblighi di legge come la privacy (clicca qui per saperne di più) e l’obbligo di trasparenza.

Difatti, la Legge n° 124/2017 articolo 1 commi 125-129 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza), in seguito modificata dal DL n° 34/2019, prevede che tutti i soggetti (imprese ed enti non commerciali) che hanno beneficiato di erogazioni pubbliche sono tenuti a darne specifica comunicazione entro il 30 giugno dell’anno successivo alla percezione.

Tale obbligo scatta qualora l’importo complessivo di queste sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti sia pari o superiore a € 10.000.

Per quanto riguarda le imprese occorre fare la seguente distinzione:

  • i soggetti che redigono il bilancio in forma ordinaria devono pubblicare le informazioni sulle erogazioni pubbliche nella Nota Integrativa del bilancio d’esercizio;
  • i soggetti non tenuti alla redazione del bilancio ordinario e quindi società di capitali che redigono il bilancio in forma abbreviata, gli imprenditori individuali e le società di persone assolvono tale obbligo mediante pubblicazione sui propri siti internet. Solo in mancanza del proprio sito internet risulta possibile adempiere agli obblighi in esame attraverso il sito internet della propria associazione di categoria di appartenenza.

Le informazioni da pubblicare sono le seguenti:

  • i dati identificativi del soggetto beneficiario se l’informativa è fornita su portali di terzi;
  • i dati identificativi del soggetto erogante;
  • l’importo dell’erogazione incassata ed il periodo amministrativo di incasso;
  • una breve descrizione della causale dell’attribuzione.

In caso di mancata pubblicazione delle erogazioni ricevute è prevista una sanzione pari all’1% degli importi ricevuti, con un minimo di € 2.000. Decorsi 90 giorni dalla contestazione di mancata pubblicazione se non si ottempera agli obblighi richiesti viene applicata la sanzione della restituzione integrale del beneficio.

Qualora ne fossi sprovvisto, noi di Spazio Impresa possiamo realizzare il sito Internet adatto alle esigenze della tua attività imprenditoriale (clicca qui per maggiori informazioni), oppure, qualora ne fossi già dotato, supportarti nella gestione dell’adempimento di comunicazione di ricezione dell’erogazione pubblica.
Non esitare a richiedere il nostro supporto. Spazio Impresa è a tua disposizione.

en_GBEN